CULTURA
  ·   Musei
  ·   Parole sul Lago
  ·   Libreria
  ·   Leggende
  ·   Concorso di Poesia


Parole sul Lago 2002




Seconda Edizione del Premio Letterario Waterman "PAROLE SUL LAGO"





4° premio, sez. Narrativa Scuole Medie Inferiori

Paletti Annamaria
Classe 2░ D
Scuola media di Iseo


Notte buia e tempestosa


Era una notte buia e tempestosa e Steve era scappato dalla prigione si S.Louis. Dopo parecchie ore di cammino si ritrov˛ davanti ad un castello e decise di rifugiarvisi per la notte.
Non appena decise di entrare dal portone, esso si aprý da solo e subito si rese conto che nel castello c'era qualcosa di strano, come se fosse incantato: ogni suo pensiero si trasformava in realtÓ!
Desider˛ bere qualcosa di caldo e subito apparve una fumante tazza di tŔ; ebbe fame ed il tavolo si imbandý con un profumato arrosto accompagnato da un buon vino rosso.
Tutta questa aria di magia lo spinse a restare nel castello per altri giorni. Inizi˛ a consultare i vari libri della biblioteca ed a sperimentare alcuni incantesimi con buoni risultati.
Ma con il passare del tempo, cominci˛ a pensare che con la magia avrebbe potuto diventare potente e conquistare il mondo. Trov˛ poi una sfera magica, con la quale avrebbe potuto vedere ci˛ che desiderava, come ad esempio i poliziotti che da alcuni giorni lo stavano cercando ed erano ormai sulle sue tracce, diretti verso il castello.
Durante le sue ricerche in biblioteca, trov˛ un libro sugli incantesimi, nel quale era spiegato come trasformare gli uomini in animali e pens˛ di trasformare tutti coloro che si avvicinavano al castello in insetti innocui. Speriment˛ l'efficacia dell'incantesimo su alcuni contadini che lavoravano nei campi lý vicino.
Salý sulla torre pi¨ alta del castello e pronunciando una serie di parole magiche, tramut˛ i contadini in piccole mosche che, senza che lui se ne accorgesse, volarono all'interno del castello.
Steve era molto felice perchÚ era sicuro che avrebbe potuto fare altrettanto con i poliziotti. Infatti non appena essi si avvicinarono al castello, vennero trasformati in noiose piccole mosche.
Steve era felice, ma i poliziotti-mosche lo spiarono e capirono cosa stava mettendo in atto: la conquista del mondo per impossessarsi delle proprie ricchezze.
Non sapendo cosa fare, le mosche-poliziotte e contadine decisero di infastidirlo ronzandogli attorno per impedirgli di continuare i suoi studi.
Steve infastidito, nel tentativo di allontanare gli insetti, urt˛ la sfera magica che, cadendo, and˛ in mille pezzi. Questo interruppe la magia di Steve riportando al loro aspetto originario le mosche.
I poliziotti, con l'aiuto dei contadini, catturarono Steve e lo riportarono alla prigione di S. Louis.


EDIZIONE 2002

EDIZIONE 2001

RASSEGNA STAMPA



@email Informativa Cookies COPYRIGHT © 2001 - 2017 - Realizzato da Unitec Services & Web - P.IVA 01868730597