CULTURA
  ·   Musei
  ·   Parole sul Lago
  ·   Libreria
  ·   Leggende
  ·   Concorso di Poesia


Museo Civico di Lovere

Il Museo Civico di Scienze Naturali di Lovere è stato istituito dall'Amministrazione Comunale nel 1996. Con una apposita convenzione il Comune ne ha affidato la gestione all'Associazione Amici del Museo, fondata a Lovere nel 1995. Tale Associazione, costituita oggi da una settantina di Soci è guidata da un Consiglio di amministrazione ed affida il lavoro scientifico del Museo ad un Comitato di Soci esperti nelle varie discipline (zoologia, botanica, mineralogia, micologia, didattica, ambiente, manutenzione ...); il Coordinatore di tale comitato assume l'incarico di Conservatore del Museo. Il lavoro che gli esperti del Comitato ed altri Soci portano avanti nel Museo viene svolto a titolo assolutamente volontario.

Il Museo Civico di Scienze Naturali di Lovere è articolato in due comparti: la sede operativa, sita in Piazza Vittorio Emanuele II nel centro storico (laboratorio, biblioteca, sala riunioni - tel. N. 035.98.37.29) e la sede espositiva (per mostre permanenti e temporanee) presso la Villa Milesi, via Marconi 19, che comprende tre sale situate al piano terreno della prestigiosa villa civica. Nella prima trova posto la collezione ornitologica: duecento esemplari imbalsamati con notevole perizia e provenienti dal territorio lacustre e montano circostante. Tra i più interessanti, alcuni grossi ardeidi, rari frequentatori della zona lacustre e una superba coppia di gallo cedrone, debitamente ambientata.

La seconda saletta, dedicata all'entomologia, ospita la collezione di Lepidotteri "Bertoli Castellazzi", donata all'Associazione dai figli della signora Milena, collezionista esperta ed appassionata. Il materiale (in origine più di mille esemplari), debitamente risistemato e distribuito in cinquanta scatole di lepidotteri, una di imenotteri e una di coleotteri, è esposto con gusto felice che sottolinea la grazia e la bellezza delle forme e dei colori e con intento chiaramente didattico, che ne rende piacevole e immediata la lettura.

Una collezione mineralogica occupa la terza sala: si tratta di una collezione frutto di donazioni, di collaborazione, di ricerche appassionate. È una raccolta ordinata delle 8 famiglie mineralogiche; in tutto 150 tipi di minerali, inventariati, classificati, con indicata la categoria di appartenenza, la provenienza, la composizione chimica. Sono presenti anche campioni provenienti dal Duadello in val Palot, sito mineralogico locale di estremo interesse. Una vetrina centrale che contiene una cartina geologica della Val Camonica e del Sebino consente di conoscere tutte le località mineralogiche più importanti.

Altre mostre a carattere temporaneo sono state presentate al pubblico a seguito dell'attività scientifica e di studio che l'Associazione conduce fin dalla sua fondazione. Fra queste si ricordano la recente Mostra fotografica dedicata a "La vita e il lavoro sul lago" e le periodiche mostre sulle erbe mangerecce e sui funghi. Pubblicazioni varie sono state effettuate, su carta o in CD, in occasioni di mostre, di conferenze, di incontri. Particolarmente importanti la "Guida alla collezione degli uccelli", la "Guida alla conoscenza della collezione dei lepidotteri", molto circostanziate e di grande valore didattico e divulgativo, nonché i CD sui Minerali del Museo e sulla Mostra fotografica, di facile consultazione e di agile lettura, con splendide immagini.

Attualmente sono in corso due lavori di ricerca: uno naturalistico sul biotopo "Foce dell'Oglio" ed uno storico su "Lovere nell'800", in collaborazione con l'Istituto delle Suore di Carità. A lavori ultimati, verranno predisposti dei CD interattivi con fini divulgativi, di conoscenza e di approfondimento, utili per le Scuole e per gli appassionati di queste discipline. Il criterio che guida il lavoro dell'Associazione è indicato nelle sue carte di fondazione: contribuire a far maturare una migliore sensibilità verso i problemi delle scienze naturali e ambientali e nei confronti delle culture locali così che il Museo possa diventare centro ed occasione di cultura, di educazione permanente e punto di riferimento per la scuola. Le sale espositive del Museo sono aperte il venerdì pomeriggio dalle ore 15 alle 18 o su appuntamento telefonando al N. 035.96.00.08 (per lasciare il proprio numero telefonico ed essere richiamati). Si possono avere anche visite guidate. L'ingresso è gratuito. Per scrivere al Museo - Casella postale 10 , 24065 LOVERE BG.









@email Informativa Cookies COPYRIGHT © 2001 - 2017 - Realizzato da Unitec Services & Web - P.IVA 01868730597