Cellatica

Qui passava l'antica strada che conduceva dalla cittÓ al Sebino e alla Valle Camonica, e questo pu˛ avvalorare l'ipotesi di insediamenti anche preromani. Sono state ritrovate epigrafi romane. Nel sec. XI Cellatica (dove aveva beni il monastero di Leno) entr˛ a far parte del territorio di Brescia e nel 1130 una cappella di San Giorgio di Cellatica fu assegnata al Capitolo della Cattedrale, che nomin˛ i canonici di Cellatica fino a quando, nel 1616, non si costitu┤ la parrocchia. Nel '300 vi era sorto il convento dei Francescani. Il paese - che sub┤ nel 1439 le devastazioni delle truppe milanesi del Piccinino impegnate nell'assedio di Brescia - pervenne a un certo benessere nel '500, con la costruzione di edifici significativi. In questo secolo Teofilo Folengo, all'epoca frate benedettino a Sant'Eufemia, affermava che la vernaccia di Cellatica faceva scomparire quella, pur rinomata, di Volta Mantovana. Cellatica partecip˛ al Risorgimento attraverso l'ardore patriottico di famiglie come i Trebeschi. Nel 1849 vi trov˛ rifugio don Boifava. Nel 1901 il paese fu collegato a Brescia con una tranvia.




@email Informativa Cookies COPYRIGHT © 2001 - 2017 - Realizzato da Unitec Services & Web - P.IVA 01868730597