Costa Volpino

Situata sulla pianura di fondovalle, nel punto in cui il fiume Oglio immette le proprie acque nel Lago d'Iseo, Costa Volpino Ŕ, con Lovere e Pisogne, uno dei centri di maggiore importanza, per dimensione e valenza economica, del nord Sebino. La localitÓ Ŕ in realtÓ un aggregato di numerose frazioni. E' in una di queste, a Corti, che ha sede il Comune. Altre, invece, sono sparse sulle montagne circostanti. E' sufficiente considerare la loro altitudine sul livello del mare, per comprendere quando diffusa e varia sia la collocazione di queste tessere del mosaico comunale. Corti, infatti, Ŕ a quota 235 metri, praticamente alla medesima altitudine del lago; Branico Ŕ a 329 metri, Qualino a 450; Flaccanico a 606 e Ceratello addirittura a 813 metri. Al di lÓ di questa disposizione, tuttavia, i borghi hanno caratteristiche comuni: le vie strette, le case in pietra e rustiche, e il ruolo centrale delle chiese parrocchiali, per lo pi¨ costituite da edifici settecenteschi. Di particolare rilievo sono le chiese di Branico, che conserva tracce della sua prima edificazione e affreschi rislaenti al 1300, e l'ex parrocchiale di Qualino, situata in posizione panoramica e arricchita all'interno da una tribuna in legno dorato realizzata nel '600. A settentrione di Corti, in direzione della Val Camonica, si trova la frazione di Volpino. PoichŔ tutta quest'area (esattamente come la limitrofa Lovere) ha costituito di fatto nei secoli la porta d'ingresso alla Valle Camonica, anche Volpino vanta un passato di roccaforte e di luogo di transito e di controllo. Qui sorgeva un castello di cui oggi non resta purtroppo traccia, e che dopo infinite dispute tra bergamaschi e bresciani per il suo possesso, fu infine raso al suolo dalla Repubblica veneta.




@email Informativa Cookies COPYRIGHT © 2001 - 2017 - Realizzato da Unitec Services & Web - P.IVA 01868730597